Montreal, il venerdì vince la frenesia

Montreal, il venerdì vince la frenesia

“Ci attendiamo che la pioggia arrivi tra cinque minuti alla curva 8”. E’ stato uno dei tanti profetici team radio che abbiamo avuto modo di ascoltare durante la sessione di Libere 2 di ieri che, senza dubbio, ci ha sorpresi per l’incredibile precisione con cui è stato annunciato il tanto temuto temporale.

Un po’ come successo a Monaco, il meteo ha condizionato i piani di lavoro delle squadre e costringerà tutti a fare gli straordinari per le FP3. Anche a Montreal, in entrambe le sessioni, il più veloce è stato Lewis Hamilton. L’inglese è apparso ancora lontano dalla perfezione ed ha rischiato, un paio di volte, di far danni. Dove non è arrivato lui, ci ha pensato il team, mandandolo in pista sotto la pioggia, portandolo al terzo e decisivo errore di giornata che lo ha visto stamparsi, per fortuna a bassa velocità, contro le barriere della curva 10. Sull’argomento, Lewis Hamilton ha voluto subito scrollarsi di dosso le responsabilità: “Sì, ho fatto tre errori. Ma non è stata una mia scelta quella di andare in pista con la pioggia e penso non fosse proprio necessario farlo”. Seppur abbia più volte detto di voler dimenticare i fatti di Monaco di due settimane fa, il suo comportamento attuale lascia trapelare un certo nervosismo che fa il gioco di Rosberg, in rimonta – in classifica, ma anche sul piano psicologico – sul compagno di squadra.

Tutti gli occhi sono ora puntati sulla Ferrari, che a Montreal si è presentata con una maglietta che è tutto un programma, sul quale c’è scritto a caratteri cubitali “Testa bassa e lavorare”. Sulla SF15-T si è scelto di montare la terza ICE della stagione, dopo aver effettuato delle modifiche costate 3 dei 10 gettoni a disposizione. Sebastian Vettel si è detto soddisfatto dell’evoluzione della nuova power unit, affermando: “Credo abbia funzionato come previsto. Abbiamo anticipato parte del programma, per via della pioggia, ma tutto sommato è andata bene. Nella prima sessione abbiamo cercato di preparare la gara e i tempi contano davvero poco”. A fargli eco è il suo compagno di squadra, che ha aggiunto: “Siamo abbastanza soddisfatti, abbiamo quello che ci aspettavamo, ma ancora è soltanto venerdì”.

Dalle poche indicazioni avute dalle libere, anche Williams e Lotus sembrano in ripresa. In particolare, è stato interessante vedere il long run di Bottas al termine della prima sessione, quando girava molto carico di carburante per raccogliere informazioni su freni, motore e bilanciamento della vettura. Il finlandese era ottimista e la sua frase “finalmente siamo tornati ad essere competitivi” lascia spazio al sogno di vedere una qualifica combattuta.

RISULTATI LIBERE 2

Pos Pilota Team Tempo Gap Giri
1 Lewis Hamilton Mercedes 1m15.988s 22
2 Sebastian Vettel Ferrari 1m16.304s 0.316s 19
3 Kimi Raikkonen Ferrari 1m16.310s 0.322s 20
4 Nico Rosberg Mercedes 1m16.440s 0.452s 22
5 Pastor Maldonado Lotus/Mercedes 1m16.600s 0.612s 15
6 Valtteri Bottas Williams/Mercedes 1m16.849s 0.861s 18
7 Romain Grosjean Lotus/Mercedes 1m16.864s 0.876s 15
8 Felipe Massa Williams/Mercedes 1m17.041s 1.053s 19
9 Daniil Kvyat Red Bull/Renault 1m17.092s 1.104s 10
10 Daniel Ricciardo Red Bull/Renault 1m17.111s 1.123s 16
11 Nico Hulkenberg Force India/Mercedes 1m17.120s 1.132s 15
12 Marcus Ericsson Sauber/Ferrari 1m17.261s 1.273s 17
13 Carlos Sainz Toro Rosso/Renault 1m17.318s 1.330s 23
14 Sergio Perez Force India/Mercedes 1m17.367s 1.379s 20
15 Fernando Alonso McLaren/Honda 1m17.627s 1.639s 21
16 Max Verstappen Toro Rosso/Renault 1m17.657s 1.669s 23
17 Felipe Nasr Sauber/Ferrari 1m17.751s 1.763s 21
18 Jenson Button McLaren/Honda 1m18.135s 2.147s 20
19 Roberto Merhi Marussia/Ferrari 1m19.531s 3.543s 15
20 Will Stevens Marussia/Ferrari 1m19.734s 3.746s 13

RISULTATI LIBERE 1

Pos Pilota Team Tempo Gap Giri
1 Lewis Hamilton Mercedes 1m16.212s 34
2 Nico Rosberg Mercedes 1m16.627s 0.415s 38
3 Romain Grosjean Lotus/Mercedes 1m17.721s 1.509s 35
4 Nico Hulkenberg Force India/Mercedes 1m17.871s 1.659s 34
5 Sebastian Vettel Ferrari 1m17.905s 1.693s 25
6 Felipe Massa Williams/Mercedes 1m17.985s 1.773s 28
7 Daniil Kvyat Red Bull/Renault 1m18.021s 1.809s 30
8 Pastor Maldonado Lotus/Mercedes 1m18.026s 1.814s 41
9 Fernando Alonso McLaren/Honda 1m18.128s 1.916s 34
10 Max Verstappen Toro Rosso/Renault 1m18.257s 2.045s 24
11 Valtteri Bottas Williams/Mercedes 1m18.325s 2.113s 40
12 Kimi Raikkonen Ferrari 1m18.439s 2.227s 26
13 Sergio Perez Force India/Mercedes 1m18.503s 2.291s 28
14 Daniel Ricciardo Red Bull/Renault 1m18.775s 2.563s 24
15 Jenson Button McLaren/Honda 1m18.786s 2.574s 25
16 Felipe Nasr Sauber/Ferrari 1m18.948s 2.736s 30
17 Carlos Sainz Toro Rosso/Renault 1m19.065s 2.853s 23
18 Marcus Ericsson Sauber/Ferrari 1m19.165s 2.953s 32
19 Roberto Merhi Marussia/Ferrari 1m20.616s 4.404s 33
20 Will Stevens Marussia/Ferrari 1m20.624s 4.412s 27

 

2 Commenti

  1. Mata
    giugno 06, 14:14 Reply
    Credo la Mercedes sia ancora un bel po davanti ahinoi.. e lo si vede con la facilità con cui fanno il tempo a pista green.. Però la ferrari ha modo di avvicinarsi con temperature maggiori e pista gommata. Gli altri giocano al massimo per un piazzamento dietro i due top team.. Ahiahinoi!
  2. M@gicFra
    giugno 06, 12:04 Reply
    Le prove libere sono prove...ma se è vero che Ferrari e Mercedes hanno girato cariche...beh...ridurre il gap a pochi decimi sarebbe davvero una gran cosa, perchè vorrebbe dire che dopo tanti anni finalmente la Ferrari è stata capace di recuperare circa 1,5 secondi alla Mercedes!!!

Dì la tua!